Emergenza minori, progetto “Famiglie e adulti accoglienti”: a Sant’Antioco nasce l’Albo delle famiglie affidatarie e adulti disponibili all’affido

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su email

Condividi questa pagina via:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Nascerà a Sant’Antioco l’Albo delle famiglie affidatarie e adulti disponibili all’affido, frutto del progetto “Famiglie e adulti accoglienti”, studiato per dare rispostaall’emergenza sociale e alla precarietà di diversi minori per i quali l’autorità giudiziaria impone l’allontanamento dalla famiglia d’origine poiché risultano temporaneamente inadeguate a prendersene cura. Le ragioni sono spesso di molteplice natura: negligenza nell’accudimento materiale ed educativo, rifiuto, maltrattamento fisico e/o psicologico; o ancora, isolamento relazionale, separazioni di varia natura, difficoltà di carattere socio-culturale. E considerato, allo stato attuale, il numero esiguo di famiglie disponibili all’affido, questi giovani spesso finiscono in “struttura”.

Un percorso che l’Assessorato alle Politiche Sociali e il Servizio di riferimento non intendono dare per scontato. Ecco perché, dunque, il nuovo progetto “Famiglie e adulti accoglienti”: «Ciò che conta, per noi, è che questi bambini possano beneficiare del calore umano che solo una famiglia può offrire – commenta l’Assessore alle Politiche Sociali, nonché vice Sindaco, Eleonora Spiga – ci stiamo adoperando per creare un albo di famiglie e adulti disponibili all’affido perché gli interventi delle comunità da una parte tamponano situazioni di emergenza e di pregiudizio a scapito dei minori, dall’altra non restituiscono cambiamenti significativi in termini di progetto di vita del minore e di reale riscatto sociale. E noi vogliamo opporci con forza a questo scenario che appare l’unica opportunità. L’affidamento familiare su cui noi puntiamo, infatti, si fonda su una visione positiva delle possibilità di cambiamento dei bambini, i quali possono far fronte a eventi traumatici di varia natura e intensità quando sono sostenuti da una rete sociale all’interno della quale sviluppano relazioni interpersonali significative e di effettivo sostegno alla crescita».

L’affidamento familiare si configura come strumento di aiuto che supera la logica del controllo e della sanzione, soprattutto nei confronti della famiglia che va sostenuta nell’esercizio dei suoi diritti e delle sue responsabilità. Per fare ciò, appunto, si promuove il progetto di “Famiglie e adulti accoglienti” per la costituzione dell’albo delle famiglie affidatarie e degli adulti disponibili all’affido di minori, volta a creare una rete nel territorio che consenta una sinergia tra Amministrazioni. «Un progetto che mira a coinvolgere anche i Comuni del territorio – commenta il Sindaco Ignazio Locci – al fine di creare una sinergia per la realizzazione dell’interesse superiore costituito dal benessere del minore».

Naturalmente le famiglie affidatarie avranno diritto a un contributo mensile così quantificato: da 120,00 a 250,00 euro per gli affidi diurni, parziali ed educativi, proporzionalmente al tempo e al tipo di progetto dedicato al minore; 300 euro per gli affidi intrafamiliari (zii, nonni, ecc.), con ISEE non inferiore alla tabella prevista per l’ottenimento del Reddito di cittadinanza; 500 per gli affidi di minori dai 0 ai 18 anni.

L’avviso e la modulistica sono rintracciabili nel sito istituzionale dell’ente www.comune.santantioco.su.it.

Allegati

Articoli recenti

Avviso servizio estivo adolescenti

Si comunica è stato raggiunto il numero massimo di iscrizioni al servizio estivo Summer Camp rivolto agli adolescenti. E’ ancora possibile inoltrare l’iscrizione ma la

Skip to content