Bando “Fermenti in Comune”, giovani, formazione e cultura: finanziato il progetto “Centro esperienze creative Ex-Montegranatico”

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su email

Condividi questa pagina via:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Il Comune di Sant’Antioco investe sui giovani e sulla loro formazione, tra arte, cultura e tradizione: grazie alla partecipazione al bando Anci “Fermenti in Comune” si aggiudica un finanziamento di 60 mila euro (cui si aggiunge un cofinanziamento comunale di 27 mila euro) per la realizzazione del progetto “MuseoDiffuso.exe – Centro esperienze creative Ex-Montegranatico”. Un lavoro di co-progettazione lungo e articolato che ha visto il coinvolgimento delle associazioni culturali locali “Ottovolante”, “Iklos”, “CCN Welcome to Sant’Antioco”, “Associazione Astri”,  “Radici Future APS” coordinate dall’Ufficio Cultura del Comune di Sant’Antioco.

Grazie al finanziamento l’ex stabile Montegranatico potrà dunque diventare un luogo di formazione culturale, tra tradizioni e innovazioni, arti figurative, esperienze, all’insegna dell’inclusione, della partecipazione e dell’uguaglianza. L’obiettivo è realizzare un centro esperienziale di interpretazione del territorio, uno spazio polifunzionale contenitore di eventi e generatore di contenuti, creato da e per i giovani, in cui il processo di conoscenza del territorio viene attivato attraverso forme partecipate di narrazione ma anche e soprattutto di vita vissuta e di creazione di storie per una riappropriazione dei valori legati all’identità del territorio e all’autenticità dei luoghi che lo compongono.

Alcuni spazi di proprietà comunale dell’ex-Monte Granatico saranno cogestiti dal Comune e dai partner di progetto: con una presenza rilevante di associazioni giovanili diverranno sede di attività culturali con una marcata impronta creativa ed esperienziale, destinate ai giovani di età compresa tra i 16 e i 35 anni, attraverso forme di partecipazione attivate sin dalle prime fasi esecutive in favore di studenti delle Scuole secondarie di secondo grado del territorio (3°-5°); giovani residenti nel territorio già attivi nel mondo associazionistico locale; studenti universitari che risiedono solo temporaneamente nel territorio; giovani NEET- che non studiano, non svolgono un’attività lavorativa e non sono impegnati in nessuna attività formativa; giovani residenti occupati in settori legati allo sviluppo turistico del territorio.

Il primario beneficio, pertanto, è rispondere ai bisogni dei giovani, svolgere attività che soddisfino le aspettative creative di ognuno, favoriscano il protagonismo sociale, la possibilità di partecipare attivamente alla vita del centro e della comunità locale, incentivare l’apprendimento e l’orientamento verso “competenze chiave”, spendibili anche nel mercato del lavoro.

Articoli recenti

Skip to content