Estate 2023, nasce “Festartes”: il festival della Cultura, tra grande jazz e narrazioni

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su email

Condividi questa pagina via:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Sulky jazz, il festival musicale che ha animato le estati antiochensi con i grandi nomi della scena jazz sui palchi di spiagge e centro cittadino, cresce, si amplia e dà vita a “Festartes”, il nuovo “contenitore” culturale che, accanto ai grandi nomi del jazz (Stefano Bollani con il suo “piano solo” su tutti), colloca le narrazioni teatrali (Cesare Bocci, Ascanio Celstini), il cabaret (Le Lucido Sottile), il “rock comico”della band “Nanowar of steel” e la vincente performance del cagliaritano (ma noto al grande pubblico) Joe Perrino. Dieci date tra Piazza De Gasperi, l’Arena Fenicia e la spiaggia di Cala Sapone per una “stagione”culturale di ampio respiro: dal primo spettacolo del 7 luglio all’ultimo dell’8 settembre.

Un format che ambisce a proseguire nel solco tracciato dal Sulky Jazz, manifestazione divenuta rilevante nel panorama dei grandi eventi culturali in grado di veicolare l’immagine ed amplificare le potenzialità culturali e turistiche di Sant’Antioco e della Sardegna, ma con una formula nuova che punta a incrementare il successo di pubblico e la notorietà acquisita nelle precedenti edizioni del progetto incentivando i flussi turistici verso la destinazione Sant’Antioco.

«L’idea di fondo che ha portato alla nascita del festival “FestArtes” – spiega l’Assessore alla Cultura Luca Mereu, che ha seguito l’evolversi di questo ambizioso progetto –  è stata quella di arricchire l’offerta culturale di Sant’Antioco per coinvolgere un pubblico multiculturale ed eterogeneo: per fare questo l’intuizione è stata quella di utilizzare come strumento di espressione una buona parte dei linguaggi musicali e artistici. La storica e raffinata rassegna jazzistica Sulky Jazz sarà infatti abbinata a momenti di prosa, teatro e concerti musicali di artisti di fama nazionale e internazionale: si passerà così, senza soluzione di continuità, dall’estro pianistico di Stefano Bollani al metal parodistico dei Nanowar of Steel, dallo story telling di Ascanio Celestini all’ironia dissacrante delle Lucido Sottile. Senza dimenticare Cesare Bocci e la sua avvincente ricostruzione della storia e dei misteri attorno ai Beatles. E tanto altro ancora. FestArtes diviene così un festival di narrazioni, diffuso, creativo che si pone l’ambizioso obiettivo di diventare un appuntamento fisso nella programmazione della nostra Amministrazione, per divenire un punto di riferimento culturale dell’intero territorio».

“Festartes” prenderà avvio il 7 luglio nella spiaggia di Cala Sapone con la band composta da ben otto elementi “Surealistas”; si proseguirà il 14 luglio sempre nella spiaggia di Cala Sapone con le musiche di Fabio Zeppetella feat Fabrizio Bosso; il 21 luglio ci si sposterà in piazza De Gasperi per ascoltare le sonorità del D.U.O. Eleonora Strino e Francesca Tandoi; il 30 luglio l’Arena Fenicia sarà la location ideale per il concerto dei “Nanowar of Steel”, metal allegro da Roma; il primo agosto si torna in Piazza De Gasperi per le Lucido Sottile in “Dissacratamente lucide… lucidissime!”; l’11 agosto sarà il turno del celebre jazzista Stefano Bollani in “piano solo” nella suggestiva Arena Fenicia; il 18 agosto l’attore Cesare Bocci, negli spazi dell’Arena Fenicia, porterà in scena“Paul McCartney e i Beatles, due leggende”; ancora un concerto all’Arena Fenicia il 22 agosto con Joe Perrino, cagliaritano, in “Cantastorie di vita mala” con Zuanna Maria Boscani; il 25 agosto ancora la sabbia bianca e fine e il mare di Cala Sapone per il jazz di “Fanfara Station”; chiuderà Festartes la narrazione di Ascanio Celestini, in piazza De Gasperi, l’8 settembre, dal titolo “Radio clandestina”.

Per il Sindaco Ignazio Locci si tratta «Di un grande contenitore culturale che nasce dalle solide fondamenta gettate dal Sulky Jazz, capace di proiettare Sant’Antioco tra i grandi luoghi degli spettacoli estivi, offrendo un folto carnet di opportunità che va dal grande jazz alla prosa, fino alle musiche rock. Il tutto in tre diversi e affascinanti scenari: la spiaggia di Cala Sapone, il cuore del centro storico e l’Arena fenicia, lì dove si respira l’aria di Sulky. Offriamo con entusiasmo questo nuovo prodotto a cittadini e turisti, certi che contribuirà ad allietare le serata estive antiochensi».

Allegati

Articoli recenti

Skip to content