Tornano le tradizioni della Festa di San Pietro, dal 29 giugno al 2 luglio

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su email

Condividi questa pagina via:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Tornano le tradizioni della Festa di San Pietro, protettore dei pescatori, e con essa uno degli appuntamenti che da sempre rappresenta il simbolo di una ricorrenza che affascina, tra riti religiosi e manifestazioni laiche: la processione a mare con il simulacro del Santo e la successiva processione a terra fino alla Chiesa dedicata al patrono dei lavoratori del mare, per la solenne funzione che darà il via alla quattro giorni di celebrazioni. «Ci auguriamo di rivivere a “Sa Marina” di Sant’Antioco la Festa che abbiamo sempre conosciuto e apprezzato – commenta l’Assessore al Turismo Roberta Serrenti, che ha fortemente voluto la riscoperta di questa tradizione, da anni finita nel dimenticatoio – siamo felici di quanto messo in campo: per i nostri pescatori la festività di San Pietro ha una lunga tradizione. È il loro Patrono e, per chi vive il mare e per chi dal mare trova sostentamento, questa celebrazione è il momento culminante dell’anno».

Si parte il 29 Giugno con la storica processione a mare: la mattina, alle 12.00, un corteo di fedeli partirà dalla chiesa dedicata a San Pietro e, guidato dal suono di campane festanti, porterà la statua del Santo verso il porto commerciale, nella sede della Guardia Costiera. Un momento di grande devozione e spiritualità, in cui la comunità si unisce nella preghiera e nel ringraziamento per le benedizioni ricevute dal mare. Nel pomeriggio, alle 16.30, tutta la flotta peschereccia salperà dal lungomare per andare a prendere il simulacro di San Pietro e riportarlo nel molo, dove partirà la processione via terra. «Sarà sicuramente emozionante vedere le barche, una dopo l’altra, avanzare verso il largo, sentire i suoni dei pescherecci e gli applausi della folla che attende il Santo sulle banchine – prosegue Roberta Serrenti – la processione a terra attraverserà gran parte delle vie del quartiere de “Sa Marina”, per poi giungere nella Chiesa di San Pietro dove verrà concelebrata la messa Solenne. Domenica, inoltre, spazio alla prima edizione della “Barcolana” di Sant’Antioco, organizzata dalle associazioni diportistiche locali. L’entusiasmo con cui il “popolo del mare” ha accolto questo ritorno di festa ci fa credere che sarà una vera festa del mare, dei pescatori, dei diportisti, tutti insieme».

Ma le celebrazioni di San Pietro non sono solo spiritualità e devozione. Nel fronte mare, infatti, una miriade di bancarelle si dispiegherà offrendo prelibatezze culinarie internazionali e prodotti artigianali. Sarà un’occasione unica per immergersi nella cultura locale e assaporare i piatti tradizionali dal km 0 alle pietanze mondiali provenienti da stati lontani come Cuba, Messico e Stati Uniti. Durante la festa si terrà la tappa inaugurale della sesta edizione della “Festa del Gusto” Internazionale, un format itinerante che porta il meglio dello street food nazionale ed internazionale in giro per il mondo. In un connubio perfetto di tradizioni culinarie e atmosfera festosa, questa festa promette di deliziare i palati di tutti i partecipanti. Street fooders nazionali ed internazionali si esibiranno in spettacolari performance culinarie, cucinando a vista le pietanze più prelibate delle loro terre d’origine. Tra gli ospiti speciali che animeranno la “Festa del Gusto”, ci saranno i maestri dell’Asado, Cristian Vincenti e Mauro Provitina, direttamente da Buenos Aires, che incanteranno il pubblico con le loro abilità nella preparazione del celebre barbecue argentino. Inoltre, il team del Rancherito proveniente dalla vibrante Città del Messico, regalerà autentiche esperienze culinarie della tradizione messicana.

L’evento, naturalmente, celebrerà anche le produzioni locali a km 0 di Sant’Antioco e dell’intera Sardegna. Si partirà giovedì alle 19.00 con un’offerta di Carignano per un brindisi a questo grande ritorno. L’atmosfera di festa sarà arricchita da musica e spettacoli che coinvolgeranno i visitatori, creando un’esperienza completa per tutti i sensi. Ogni sera dalle 19.00 musiche di accompagnamento e alle 21.30 spettacoli live, tra cui anche momenti internazionali come l’esibizione “carioca” direttamente dal Brasile, la musica degli anni 80 e 90, e dal 2000 a oggi.

La Festa del Gusto è come un viaggio culinario che parte dalle produzioni locali di Sant’Antioco, per poi estendersi oltre 10.000 chilometri attraverso l’Italia, l’Europa e l’America Latina. Una forbice degustativa unica nella Marina di Sant’Antioco che ancora oggi, come nel passato, è capace di accogliere popoli, sapori e tradizioni lontani.

Articoli recenti

Skip to content