Contributo ambientale di soggiorno – Chiarimento in merito alla comunicazione di “Airbnb” ai gestori di appartamenti ad uso turistico

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su email

Condividi questa pagina via:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Questo chiarimento si rende necessario a seguito della E-mail che AIRBNB ha inviato a
molti gestori di appartamenti ad uso turistico, nella quale informa che a decorrere dal
15/02/2024 l’imposta di soggiorno per le locazioni brevi sarà riscossa e riversata al
Comune di Sant’Antioco direttamente da AIRBNB.
Segnaliamo che la normativa vigente richiamata nella citata comunicazione di AIRBNB.
(modifiche al D.L. 50/2017 introdotte dalla Legge 213/2023 “Finanziaria 2024”) si riferisce
alla cosiddetta “cedolare secca” e NON all’imposta di soggiorno.
Riteniamo doveroso precisare che, il Comune di Sant’Antioco NON ha attualmente
in essere alcuna convenzione per la riscossione dell’imposta di soggiorno con il
portale AIRBNB, NE’ CON ALTRI PORTALI ON LINE che gestiscono affitti turistici.
Invitiamo, pertanto, i gestori a non considerare tale comunicazione di AIRBNB e
continuare a provvedere alla Gestione dell’Imposta di Soggiorno con le consuete modalità
prescritte dal vigente Regolamento Comunale.
I Gestori, devono continuare a riscuotere direttamente l’imposta di soggiorno e riversarla al
Comune di Sant’Antioco con le consuete modalità, in quanto AIRBNB non è autorizzato a
riscuotere l’imposta per conto delle strutture.
La scelta di non aderire alla convenzione con AIRBNB deriva da un’analisi delle
problematiche che possono generarsi, come, ad esempio, un difficile controllo da parte del
gestore dell’importo effettivamente riversato dalla piattaforma, tenuto in considerazione
il fatto che qualsiasi tipo di violazione relativa all’imposta di soggiorno, omessa
dichiarazione o omesso/parziale versamento, restano in capo a chi gestisce la
struttura. Vi consigliamo di controllare che, non abbiate attivato nella piattaforma telematica
l’opzione di riscossione dell’imposta da parte di AIRBNB, anche contattando direttamente il
portale AIRBNB per farvi dare conferma che sia disattivato, oppure, qualora questo
servizio risultasse attivo per la vostra struttura, chiedere le indicazioni per disattivarlo, in
quanto come sopra specificato, il Comune di Sant’Antioco NON HA ADERITO AD
ALCUNA CONVENZIONE CON AIRBNB.
Venerdì, 29 Marzo 2024

Articoli recenti

Skip to content