CALA DELLA SIGNORA

NOTE GEOLOGICHE

Cala della Signora è un’insenatura rocciosa immediatamente a N di Cala Sapone, protetta dai venti e dalle mareggiate. E’ impostata nelle ignimbriti riolitiche che costituiscono localmente l’unità vulcanica di Monte Ulmus della successione vulcanica superiore del Sulcis. Questi depositi piroclastici sono stati emessi durante il Langhiano, intorno ai 15 milioni di anni fa, da eruzioni vulcaniche altamente esplosive appartenenti al grande ciclo vulcanico del Tardo Eocene-Miocene inferiore. Sono presenti scogli e rocce piatte sui quali è possibile prendere il sole. Nei dintorni sono poi presenti numerosi anfratti e piccole grotte naturali raggiungibili sia via mare sia via terra, generate dall’intensa attività erosiva del moto ondoso sulla scogliera. Il fondale marino è subito profondo, roccioso di colore verde smeraldo.

Testi: Dott. Geol. Roberto Rizzo Ph. D. – Area Tecnica Ambientale Consorzio del Parco             Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna.

Foto:Giacomo Pili

GEOLOGICAL NOTES

Cala della Signora is a rocky inlet North of Cala Sapone, sheltered from wind and wave storms. It is formed by the rhyolitic ignimbrites that locally constitute the volcanic unit of Ulmus Mount of the Sulcis upper volcanic series. These pyroclastic sediments were emitted during the Langhian, about 15 million years ago, by the highly explosive volcanic eruptions belonging to the great volcanic cycle of the Late Eocene – Early Miocene. There are cliff and flat rocks on which you can sunbathe. In the area, there are also many ravines and little natural caves reachable by sea as well as by land. They are generated by the intense erosive activity of the wave motion on the cliff. The seabed is immediately deep and rocky, with an emerald green colour.

Text: Dr. Geol. Roberto Rizzo Ph.D.Area. Tecnica Ambientale Consorzio del Parco Geominerario  Storico e Ambientale della Sardegna

Photo:Giacomo Pili

Lo sapevi che:

CALA SIGNORA o Porto della Signora non è un nome di fantasia, ma era già  presente negli scritti del 1700. In questa zona si riparavano dai forti venti di scirocco i pescatori e i naviganti.

Il nome deriva dall’abitudine della foca monaca di sdraiarsi su queste rocce a prendere il sole. Questa consuetudine è rimasta fino agli anni ‘60, periodo in cui c’erano ancora molte testimonianze della presenza di questo mammifero sulle coste antiochensi.

 

CALA SIGNORA or Porto della Signora is not a made-up name,  it was already in the writings of the 1700s. In this area, the fishermen and sailors sheltered from the strong Sirocco wind. According to oral sources, the name would come from the habit of the monk seal to lay down in these rocks to sunbathe. This mammal lived in the island until the 1960s, when there were still evidences of its presence in Sant’Antioco’s coasts.

Skip to content