POGGIO DI MEZZALUNA

NOTE GEOLOGICHE

Poggio di Mezzaluna è un’insenatura direttamente esposta a libeccio impostata a semiarco (da cui l’indicazione del nome) per oltre 150 m di lunghezza lungo la falesia. Le rocce affioranti sono costituite da una sequenza di colate piroclastiche (ignimbriti) variamente saldate di età langhiana (15,5 milioni di anni fa) appartenenti alla successione vulcanica superiore del Sulcis del grande ciclo vulcanico del Tardo Eocene-Miocene inferiore. In particolare, al livello del mare sono presenti le colate piroclastiche densamente saldate delle Comenditi di Cala Saboni, cui seguono quelle delle rioliti iperalcaline di Monte Ulmus. L’insenatura si presenta essenzialmente rocciosa per accumulo del materiale franoso proveniente dal distacco per arretramento di versante da parte dell’alta scogliera posta alle spalle dell’insenatura e rielaborato durante le mareggiate.

 

Testi: Dott. Geol. Roberto Rizzo Ph. D. – Area Tecnica Ambientale Consorzio del Parco    Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna.

Foto:Giacomo Pili

GEOLOGICAL NOTES

Poggio di Mezzalunais an inlet exposed to the libeccio wind and it is semi-arc shaped (from here its name) for more than 150 metres along the cliff. The rocks are formed by pyroclastic flows (ignimbrites) of Langhian age (15.5 millions years ago) belonging to the Sulcis upper volcanic unit of the great volcanic cycle of the Late Eocene – Early Miocene. In particular, at sea level there are the pyroclastic flows of the Cala Saboni Comendites and the peralkaline rhyolites of Mount Ulmus. The inlet is essentially rocky due to the material coming from the cliff behind.

Text: Dr. Geol. Roberto Rizzo Ph.D.Area. Tecnica Ambientale Consorzio del Parco Geominerario  Storico e Ambientale della Sardegna

Photo:Giacomo Pili

Lo sapevi che:

POGGIO DI MEZZALUNA – (Sa Mesuluna)

Sul poggio sono presenti i resti di una tomba di giganti la cui struttura è per gran parte ricoperta di terra e vegetazione. Nonostante diversi scavi clandestini, si può ancora distinguere il muro dell’esedra che segue un percorso curvilineo. Il nome deriva probabilmente dalla baia sottostante a forma di mezzaluna. Dalla baia, barra dritta verso il grande mare d’Occidente, i naviganti approdano a Formentera dopo 324 miglia.

POGGIO DI MEZZALUNA – (Sa Mesuluna)

On the Poggio di Mezzaluna there are the remains of a tomb of the giants whose structure is covered in soil and vegetation. In spite of different clandestine excavation, you can still see the exedra wall following a curvilinear way. Its name probably came from the underlying bay half moon shaped. From this bay, crossing the great west sea, sailors arrive at Formentera after 324 miles.

Skip to content